BURJ AL ARAB – 10 FATTI SUL LEGGENDARIO EDIFICIO

➊ Burj Al Arab significa “Torre araba”. L’iconico hotel a 5 stelle è stato costruito a forma di vela di un dhow arabo.

➋ La costruzione è iniziata nel 1994 ed è stata aperta ai visitatori il 1° dicembre 1999. Alla costruzione hanno partecipato circa 2.000 persone.

➌ Ci sono voluti 3 anni per costruire un’isola artificiale a 280 metri dalla costa e altri 2,5 anni per costruire l’edificio stesso.

➍ L’hotel raggiunge i 321 metri di altezza, superando di 14 metri la Torre Eiffel. Vanta l’atrio più alto del mondo, che raggiunge i 180 metri.

➎ Il progetto è stato sviluppato dalla società di consulenza Atkins, guidata dall’architetto Tom Wright.

➏ Circa 8.000 m² di foglie d’oro a 24 carati adornano gli interni. Il costo esatto della costruzione non è stato reso noto.

➐ A 210 m di altitudine si trova un eliporto, mentre sul lato opposto si trova il ristorante stellato Al Muntaha (in arabo “Il più alto”).

➑ Il ristorante al piano terra, L’Olivo at Al Mahara (in arabo “Ostrica”), ha un enorme acquario di acqua salata con una capacità di oltre 1 milione di litri e pareti in plexiglass spesse 18 cm.

➒ Gestito dal Gruppo Jumeirah, l’hotel offre 202 lussuose camere a 1,2 piani. La camera più piccola occupa 169 m² e la più grande 780 m². I prezzi partono da $1.024 a notte, mentre la Royal Suite può costare circa $ 24k

➓ Il Burj Al Arab è spesso considerato “l’unico hotel a 7 stelle del mondo”. Tuttavia, la direzione non lo ha mai definito ufficialmente in questo modo. Il termine ha origine

News: Davide Pironti su Forbes.it #79 Maggio 2024

Sono qui oggi con un cuore pieno di gratitudine e un’immensa gioia nel mio cuore. Volevo dedicare questo spazio a voi, che siete stati fondamentali nel portare avanti la nostra missione e nel far conoscere GREENINVEST al mondo.

Recentemente, ho avuto l’opportunità incredibile di vedere il nostro lavoro e la nostra azienda, GREENINVEST, presentati su uno dei più prestigiosi e influenti magazine del mondo degli affari: Forbes Italia.

L’articolo non solo ha evidenziato il nostro impegno, ma ha anche condiviso la nostra visione e i nostri successi con un pubblico ancora più ampio.

E dietro questo successo c’è il vostro supporto, il vostro costante sostegno e la vostra fiducia in ciò che facciamo. Senza di voi, questo traguardo non sarebbe stato possibile. Ogni like, commento, condivisione e sostegno che avete mostrato nei confronti di GREENINVEST ha contribuito a costruire questa incredibile opportunità.

Ancora una volta, grazie di cuore a ciascuno di voi per essere parte di questa incredibile avventura con GREENINVEST.

Con gratitudine infinita,

Davide Pironti

Guida al Dubai Land Department

Il Dubai Land Department (DLD), fondato il 23 gennaio 1960, negli ultimi 64 anni ha definito le regole del mercato immobiliare di Dubai in piena espansione.

Il DLD è l’ente governativo responsabile dell’organizzazione e della promozione degli investimenti immobiliari a Dubai, fornendo più di 160 servizi.

In media registra circa 500 transazioni di vendita immobiliare al dì, senza contare ipoteche e donazioni.

LA BASE LEGISLATIVA

Legge n. (7) 2013 relativa al Dipartimento del Territorio, approvata da Sua Altezza lo Sceicco Mohammed Bin Rashid Al Maktoum.

DIVISIONI DEL DLD E LORO FUNZIONI

1 – Settore Sviluppo Immobiliare

Proposta di riforma legislativa

Gestione sistema di innovazione immobiliare

Raccolta, archiviazione e analisi big data, pubblicazione report, ecc.

2 – Settore della registrazione immobiliare

Garantisce che tutte le transazioni siano documentate

Verifica delle transazioni e gestione del sistema di valutazione immobiliare

Registra le transazioni di affitto (sistema Ejari), ecc.

3 – Agenzia di regolamentazione immobiliare (RERA)

Gestione del sistema di concessione delle licenze immobiliari, comprese agenzie

Sistema di formazione immobiliare

Controllo conti vincolati e altri sistemi di controllo

4 – Centro per le controversie in materia di locazione (RDC) di Dubai

Sistema giudiziario specializzato nella risoluzione di controversie in materia di locazione e procedure di conciliazione.

DUBAI REST

Un’applicazione per accedere ai servizi DLD, dove gli utenti possono:

• Ottenere un titolo di proprietà o sostituirne uno perso

• Scaricare il certificato Ejari per i contratti di locazione a lungo termine

• Scoprire lo stato di costruzione dell’immobile e del progetto

• Calcolare gli aumenti dell’affitto e il canone medio di mercato (Rental Index)

• Scoprire le spese di servizio nella località selezionata

• Scoprire le statistiche delle transazioni per una data specifica e molto altro ancora.

DLD si impegna a rendere Dubai il miglior mercato al mondo per innovazione, fiducia e esperienza degli investitori, e ci sta riuscendo.

10 MOTIVI PER SFRATTARE UN INQUILINO A DUBAI

I contratti di affitto a lungo termine a Dubai si rinnovano automaticamente per un anno alle stesse condizioni se nessuna delle parti solleva obiezioni.

Per sfrattare un inquilino, il proprietario ha bisogno di motivi impellenti. Questi motivi sono elencati nell’articolo 25 della legge n. 33 del 2008 e si dividono in due categorie:

PRIMA DELLA SCADENZA DEL CONTRATTO

1 – Mancato pagamento dell’affitto o mancato rispetto dei termini contrattuali o degli obblighi di legge (entro 30 giorni dalla notifica scritta).

2 – Subaffitto dell’immobile senza il consenso scritto del locatore.

3 – Utilizzo dell’immobile per attività immorali o illegali.

4 – Essere una minaccia alla sicurezza dell’immobile, danneggiandolo intenzionalmente o per negligenza.

5 – Utilizzo dell’immobile per scopi che non corrispondono agli obiettivi del contratto o che violano le regole di costruzione e utilizzo del territorio.

6 – Rischio di crollo dell’immobile, con la presentazione di una relazione certificata dalla Municipalità di Dubai.

Il proprietario deve inviare una comunicazione scritta tramite un notaio o una raccomandata.

ALLA SCADENZA DEL CONTRATTO

7 – Il proprietario intende mettere in vendita l’immobile.

8 – Il proprietario o i suoi parenti stretti desiderano risiedere personalmente nell’immobile.

Il proprietario non potrà affittare l’immobile per 2 anni.

9 – L’immobile necessita di lavori di restauro o di manutenzione che non consentono all’inquilino di viverci.

Dopo le riparazioni, all’inquilino deve essere proposto di affittare nuovamente l’immobile. Se rifiuta, il proprietario può affittare di nuovo l’immobile.

10 – Demolizione e ricostruzione dell’immobile con l’approvazione della Municipalità di Dubai.

Il proprietario deve fornire un preavviso scritto di 12 mesi tramite un notaio o per posta raccomandata. Non sono valide le notifiche via e-mail o tramite messaggistica.

Dubai e le biciclette

Dal 2020, la popolarità della bicicletta a Dubai è aumentata in modo significativo. Sono stati costruiti velodromi e bike park, oltre a piste ciclabili e lunghi percorsi di varia difficoltà. L’anno scorso, 35.000 persone hanno partecipato alla Dubai Ride, una corsa in bicicletta su larga scala.

INFRASTRUTTURE

Entro la fine del 2026, la lunghezza totale delle piste ciclabili raggiungerà gli 819 km, compreso The Loop, un percorso ciclabile indoor climatizzato di 93 km.

In tutta la città ci sono centinaia di parcheggi dove è possibile noleggiare una bicicletta per $5.5 (20 AED) al giorno. Presto ve ne saranno 350.

LE 5 MIGLIORI COMUNITÀ PER GLI AMANTI DELLA BICICLETTA

1-District One

Questa zona centrale di Dubai comprende ville e appartamenti, oltre a una laguna lunga 7 km. La comunità è circondata da una pista ciclabile di 8,4 km che si affaccia sul Burj Khalifa.

2-Dubai Hills Estate

È una comunità familiare sviluppata da Emaar, che copre un’area di 11 km² con appartamenti e case private, un grande parco e un campo da golf. In tutta l’area saranno realizzati 54 km di piste ciclabili.

3-Dubai Marina

Le piste ciclabili si estendono per tutta la marina, compreso un percorso di 16 km lungo il Golfo Persico e la costa di Jumeirah Beach che parte da qui.

4-Isole Jumeirah

La pittoresca comunità che comprende 46 isole artificiali ornate da ville e palazzi di lusso. Una rete di piste ciclabili copre la maggior parte dell’area, offrendo un ambiente ideale per piacevoli passeggiate in bicicletta lungo i laghi.

5-Town Square Dubai

Una nuova area a prezzi accessibili per le famiglie, con edifici bassi e medi. Si trova all’ingresso della pista ciclabile più lunga di Dubai, Al Qudra, che si estende per 86 km attraverso il deserto, dove è possibile osservare gli orici arabi.

TRE STRATEGIE DI INVESTIMENTO A DUBAI

Speculativo

Acquistare unità all’inizio della costruzione o durante la fase di pre-lancio, quando il costruttore ha appena annunciato il progetto.

Obiettivo: trarre profitto dalla rivendita in una fase successiva di completamento o dopo la messa in funzione, quando i prezzi delle unità del progetto sono aumentati.

Redditività: 15% – 80% all’anno.

Rischi: Meno noto è il costruttore e meno progetti ha completato, più alti sono i rischi.

Importante: se l’unità viene acquistata a rate, la rivendita è possibile solo dopo il pagamento del 30% al costruttore.

Conservativo

Acquistare appartamenti e ville nella fase intermedia o finale della costruzione a scopo di locazione.

Obiettivo: generare un reddito stabile per diversi anni con successiva rivendita.

Redditività: Media del 10% annuo per gli affitti a breve termine e del 7% per quelli a lungo termine.

A titolo di confronto, ecco i tassi di redditività degli affitti a lungo termine in altre megalopoli:

• Londra – 2,6%

• New York – 5%

• Parigi – 3,5%

Inoltre, esiste un potenziale di rivalutazione del capitale.

Rischi: I rischi aumentano quando l’offerta di locazione supera la domanda in un determinato quartiere.

Importante: Per gli affitti a lungo termine a Dubai, il proprietario può aumentare l’affitto una volta all’anno di un massimo del 15%. Non ci sono restrizioni di questo tipo per gli affitti a breve termine.

Flipping

Acquistare immobili pronti e migliorarne le caratteristiche:

• Ristrutturazione del design

• Installazione di arredi ed elettrodomestici

• Paesaggistica

Obiettivo: generare profitti dalla rivendita di immobili completamente arredati a un prezzo più alto.

Redditività: 20% – 30% all’anno

Rischi: I rischi aumentano quando la selezione del progetto e la pianificazione del lavoro non sono eseguite con cura.

Importante: i costruttori di Dubai forniscono immobili con finiture di pregio, armadi a muro e set da cucina. Pertanto, questa strategia ha successo soprattutto nel segmento ad alto budget, dove c’è una domanda di unità abitative già arredate.

SPESE CONDOMINIALI A DUBAI

I proprietari di case a Dubai pagano una spesa di servizio o spese condominiali annuali.

PER COSA VIENE SPESO QUESTO DENARO?

Manutenzione della piscina, dell’atrio, del parcheggio, del centro fitness e del paesaggio.

Manutenzione di ascensori, impianti elettrici e idrici

Stipendi delle guardie di sicurezza e dei concierge

Pulizia dell’edificio e del terreno, rimozione dei rifiuti

Riparazioni e ristrutturazioni programmate

La spesa di servizio non include il pagamento dell’elettricità e dell’acqua (DEWA).

CALCOLO DEL PAGAMENTO

Per gli appartamenti: il calcolo si basa sulla superficie totale di tutti i locali.

Per le ville: il calcolo viene solitamente effettuato in base all’area del lotto.

Si noti che tutte le aree negli Emirati Arabi Uniti sono misurate in piedi. 1 ft² = 0,093 m².

TARIFFE

In media, le tariffe variano da 3 a 30 AED per ft² o da 8,8 a 88 dollari per m² all’anno, ma possono essere più alte.

Ad esempio, i proprietari del Burj Khalifa pagano in media 72 AED per ft² ($211 per m²) all’anno.

COSA INCIDE SULL’IMPORTO DEL PAGAMENTO?

Distanza dal centro della città: le tariffe di servizio più alte si trovano nel centro di Dubai.

Tipo di immobile: le tariffe per la manutenzione delle ville sono molto inferiori rispetto a quelle degli appartamenti residenziali.

La gamma di servizi per i residenti e il territorio: più sono grandi, più le tariffe sono costose.

RIEPILOGO DEL MERCATO IMMOBILIARE DI DUBAI – GENNAIO 2024

Secondo il Dubai Land Department (DLD), nel gennaio 2024 sono state completate a Dubai 11.280 transazioni di vendita di immobili per un valore di 9,6 miliardi di dollari. Rispetto al gennaio 2023, il volume delle transazioni è aumentato del 15% e il loro valore del 27%.

6.130 transazioni (54%) per un valore di 4 miliardi di dollari erano off-plan.

DOMANDA PER TIPO DI UNITÀ

Secondo il portale online Property Finder, i potenziali acquirenti cercano:

Appartamenti ➤ 58%

Ville e ville a schiera ➤ 42%

Tra gli affittuari di appartamenti, il 62% cercava immobili arredati. Al contrario, il 57% degli affittuari di ville e ville a schiera cercava case non ammobiliate.

DOMANDA PER DIMENSIONE DELL’UNITÀ

Gli acquirenti di appartamenti cercano:

Monolocali ➤ 14%

1 camera da letto ➤ 33%

2 camere da letto ➤ 36%

Affittuari di appartamenti in cerca di:

Monolocali ➤ 22%

1 Camera da letto ➤ 36%

2 camere da letto ➤ 31%

LE 5 AREE PIÙ RICERCATE

Appartamenti

Da acquistare ➤ Dubai Marina, Downtown Dubai, JVC, Business Bay, Palm Jumeirah

Per l’affitto ➤ Dubai Marina, JVC, Downtown Dubai, Business Bay, JLT

Realestate i vantaggi per un investitore

Realestate i vantaggi per un investitore e quali sono i benefici?

L’obiettivo di ogni investitore è quello di generare un rendimento sostenibile nel medio e lungo termine minimizzando il rischio.

Per via delle sue caratteristiche intrinseche, un investimento nel real estate può effettivamente migliorare l’efficienza di un portafoglio. Risulta essere infatti non correlato all’andamento delle asset class tradizionali, come azioni, obbligazioni e cash.

Destinare quindi una percentuale del proprio capitale all’acquisto di uno o più immobili può migliorare la performance complessiva del portafoglio e ridurre contemporaneamente il rischio.

Le sole obbligazioni spesso non riescono a minimizzare la volatilità e le possibili perdite generate dalla componente azionaria, storicamente più rischiosa. Esistono fasi economiche in cui risultano essere correlate positivamente al mercato azionario, amplificandone i movimenti a ribasso.

Un investimento nel real estate, come appurato da alcuni dei più grandi istituti bancari (es. JP Morgan, BlackRock) può invece contenere le perdite e frenare la volatilità delle asset class tradizionali in alcune fasi dell’economia, migliorandone anche le performance.

Tuttavia, scegliere l’immobile giusto non è semplice. Bisogna investire nella città corretta, nella zona potenzialmente più profittevole e gestire tutte le fasi burocratiche, fiscali e relative alla sua locazione.

Realestate i vantaggi per un investitore con

𝗚𝗥𝗘𝗘𝗡𝗜𝗡𝗩𝗘𝗦𝗧 – 𝗹𝗮 𝘁𝘂𝗮 𝗮𝗴𝗲𝗻𝘇𝗶𝗮 𝗶𝗺𝗺𝗼𝗯𝗶𝗹𝗶𝗮𝗿𝗲 𝗮 𝗗𝘂𝗯𝗮𝗶.

𝗢𝗿𝗴𝗮𝗻𝗶𝘇𝘇𝗮 𝗰𝗼𝗻 𝗻𝗼𝗶 𝗹𝗮 𝘁𝘂𝗮 𝘃𝗶𝘀𝗶𝘁𝗮 𝗮 𝗗𝘂𝗯𝗮𝗶!

ZONA – Business Bay

𝘋𝘶𝘣𝘢𝘪 è 𝘱𝘳𝘰𝘯𝘵𝘢 𝘢𝘥 𝘢𝘤𝘤𝘰𝘨𝘭𝘪𝘦𝘳𝘦 𝘪𝘭 𝘱𝘳𝘪𝘮𝘰 𝘣𝘶𝘪𝘭𝘥𝘪𝘯𝘨 𝘳𝘦𝘴𝘪𝘥𝘦𝘯𝘻𝘪𝘢𝘭𝘦 𝘧𝘪𝘳𝘮𝘢𝘵𝘰 𝘔𝘢𝘳𝘳𝘪𝘰𝘵𝘵 𝘐𝘯𝘵𝘦𝘳𝘯𝘢𝘵𝘪𝘰𝘯𝘢𝘭.

𝗠𝗮𝗿𝗿𝗶𝗼𝘁𝘁 è la più nota catena di hotel luxury al mondo ed è presente in oltre 140 paesi. Il nuovo building sorgerà in Business Bay, nel cuore pulsante di Dubai. Si tratta di una delle zone più profittevoli di Dubai. 

La crescente popolarità di Dubai e le peculiarità di Business Bay ne hanno spinto a rialzo la domanda e i prezzi degli appartamenti.

In soli due anni, il prezzo medio di un monolocale in Business Bay è aumentato di oltre il +30%.

𝗠𝗮𝗿𝗿𝗶𝗼𝘁𝘁 𝗥𝗲𝘀𝗶𝗱𝗲𝗻𝗰𝗲𝘀 è la scelta perfetta per chi cerca una casa lussuosa, moderna e dotata di tutti i servizi caratteristici della qualità del marchio Marriott. 

𝘈𝘱𝘱𝘳𝘰𝘧𝘰𝘯𝘥𝘪𝘴𝘤𝘪 𝘪𝘭 𝘯𝘶𝘰𝘷𝘰 𝘱𝘳𝘰𝘨𝘦𝘵𝘵𝘰 𝘧𝘪𝘳𝘮𝘢𝘵𝘰 𝘔𝘢𝘳𝘳𝘪𝘰𝘵𝘵 𝘯𝘦𝘭 𝘱𝘰𝘴𝘵 𝘦 𝘯𝘰𝘯 𝘱𝘦𝘳𝘥𝘦𝘳𝘵𝘪 𝘲𝘶𝘦𝘴𝘵𝘢 𝘧𝘢𝘯𝘵𝘢𝘴𝘵𝘪𝘤𝘢 𝘰𝘱𝘱𝘰𝘳𝘵𝘶𝘯𝘪𝘵à 𝘥𝘪 𝘪𝘯𝘷𝘦𝘴𝘵𝘪𝘮𝘦𝘯𝘵𝘰.

Lavoriamo instancabilmente per assicurarti un’esperienza impeccabile dal tuo primo contatto con GREENINVEST fino alla consegna delle chiavi della tua nuova casa a Dubai e anche dopo.

𝙂𝙍𝙀𝙀𝙉𝙄𝙉𝙑𝙀𝙎𝙏 – 𝙡𝙖 𝙩𝙪𝙖 𝙖𝙜𝙚𝙣𝙯𝙞𝙖 𝙞𝙢𝙢𝙤𝙗𝙞𝙡𝙞𝙖𝙧𝙚 𝙖 𝘿𝙪𝙗𝙖𝙞.

𝘖𝘳𝘨𝘢𝘯𝘪𝘻𝘻𝘢 𝘤𝘰𝘯 𝘯𝘰𝘪 𝘭𝘢 𝘵𝘶𝘢 𝘷𝘪𝘴𝘪𝘵𝘢 𝘢 𝘋𝘶𝘣𝘢𝘪!

DOWNTOWN DUBAI – GUIDA PER GLI INVESTITORI

Downtown è la zona di Dubai diventata iconica grazie all’edificio più alto del mondo. È il cuore pulsante della città, dove puoi trovare la tua casa o proprietà ideale per gli investimenti.

✓ Superficie: 2 km²

✓ Popolazione: 13.000+

✓ Numero di edifici: 112

Curiosità su DOWNTOWN

Situato lungo Sheikh Zayed Road, confina a sud con Business Bay e a nord-est con DIFC.

Fino al 2000 la zona si chiamava Umm Al Tarif. 

La costruzione è iniziata nel settembre 2004.

Questa è un’area «verticale», prevalgono i grattacieli. Tuttavia, c’è un quarto di edifici bassi in stile arabo.

Ci sono 89 edifici pronti e 23 in costruzione. La maggior parte è realizzata da Emaar, ma ci sono progetti di altri sviluppatori: Damac, Ellington, Dar Global, Binghatti ecc.

Burj Khalifa Attira più di 16 milioni di visitatori all’anno e genera entrate per oltre 620 milioni di dollari.

Altre attrazioni: Dubai Mall, Dubai Fountain, Dubai Opera con 2000 posti a sedere, Burj Park, Souk Al Bahar, 5* Address e hotel Vida.

La zona è popolare non solo tra i turisti, ma ospita anche professionisti che lavorano e persone che cercano uno stile di vita urbano prestigioso.

Nel 2022 i prezzi nella zona sono aumentati del 25% e il costo dell’affitto delle abitazioni del 28%.

PREZZI MEDI

Studio – € 412.000

1 camera da letto – € 504.000

2 camere da letto – € 871.000

3 camere da letto – € 1.497.000

Stai cercando la proprietà perfetta in Downtown a Dubai? 

Entra in contatto con i nostri esperti.

COSA DEVI SAPERE – ESCROW ACCOUNT A DUBAI

I conti ESCROW ACCOUNT nel mercato immobiliare sono stati introdotti oltre 15 anni fa dal governo di Dubai per proteggere gli interessi degli investitori.

➊ Cosa significa ESCROW ACCOUNT?

È un conto bancario speciale su cui gli acquirenti effettuano pagamenti per progetti Off-Plan. Il denaro viene trattenuto fino a quando non vengono soddisfatti determinati obblighi.

➋ Quale legge disciplina i conti escrow account a garanzia?

Legge n. 8 relativa ai conti di garanzia per lo sviluppo di proprietà immobiliari nell’Emirato di Dubai, datata 28 giugno 2007.

➌ Chi è tenuto ad aprire conti di deposito a garanzia?

Ogni sviluppatore che vuole vendere proprietà Off-plan a Dubai.

➍ Di cosa ha bisogno uno sviluppatore per aprire un escrow account?

Lo sviluppatore deve fornire una licenza, un atto di proprietà, contratti con appaltatori, documentazione di progetto, disegni, ecc.

➎ Chi gestisce l’account?

La banca funge da agente di deposito a garanzia e gestisce il conto sotto la costante supervisione del Dubai Land Department ( Ente governativo ) e del RERA.

➏ Lo sviluppatore utilizza un conto di deposito a garanzia per tutti i progetti?

No. Un progetto = Un account. 

Per ogni progetto, lo sviluppatore deve aprire un escrow account a garanzia separato.

➐ I creditori dello sviluppatore possono recuperare fondi dal conto?

No, il conto non viene aperto per il committente, ma per il progetto e tutti i proventi sono destinati esclusivamente alla sua realizzazione.

➑ A cosa servono i fondi di garanzia?

Per coprire le fatture degli appaltatori e dei consulenti di progetto. Solo fino al 5% può essere utilizzato per il marketing. Le spese generali e i fondi per l’acquisto di terreni non possono essere pagati dal conto.

➒ Quando viene versato il denaro dal conto?

L’accordo tra lo sviluppatore e la banca fissa le fasi principali della costruzione, a cui sono legati i pagamenti dal conto. La banca controlla la costruzione, conferma il completamento della fase e paga direttamente agli appaltatori.

➓ Ci sono garanzie dopo il completamento del progetto?

Sì, la banca trattiene il 5% dell’importo totale per 1 anno dopo la consegna del progetto come garanzia che il committente eliminerà eventuali difetti.

E tu lo sapevi?

Dubai Marina spieghiamo la zona

𝘋𝘶𝘣𝘢𝘪 𝘔𝘢𝘳𝘪𝘯𝘢: 𝘪𝘭 𝘤𝘶𝘰𝘳𝘦 𝘱𝘪ù 𝘷𝘪𝘷𝘢𝘤𝘦 𝘥𝘦𝘭𝘭𝘢 𝘤𝘪𝘵𝘵à.

Si tratta di una delle zone più conosciute di Dubai, amata dai turisti che decidono di trascorrere una giornata all’insegna del divertimento tra ristoranti e beach club esclusivi.

I grattacieli si uniscono al blu del mare e ad una spiaggia color oro, creando un’atmosfera surreale.

Passeggiare lungo JBR beach rappresenta una delle esperienze più significative di Dubai.

Le peculiarità esotiche e ultra moderne e i servizi offerti di Dubai Marina hanno spinto verso l’alto la domanda degli appartamenti, rendendo la zona tra le più profittevoli di Dubai negli ultimi anni.

I prezzi medi per sqft sono quasi triplicati dal 2012! Gli investitori hanno visto in Dubai Marina un’ottima opportunità per far crescere i propri capitali con un rischio bassissimo.

Nonostante ciò, Dubai Marina è destinata a crescere ulteriormente nei prossimi anni, in linea con lo sviluppo dell’intera città.

Scopri alcuni dei nostri progetti più esclusivi in Dubai Marina, come il Liv e il Condor e prendi parte alla sua crescita!

Lavoriamo instancabilmente per assicurarti un’esperienza impeccabile dal tuo primo contatto con GREENINVEST fino alla consegna delle chiavi della tua nuova casa a Dubai e anche dopo.

𝗚𝗥𝗘𝗘𝗡𝗜𝗡𝗩𝗘𝗦𝗧 – 𝗹𝗮 𝘁𝘂𝗮 𝗮𝗴𝗲𝗻𝘇𝗶𝗮 𝗶𝗺𝗺𝗼𝗯𝗶𝗹𝗶𝗮𝗿𝗲 𝗮 𝗗𝘂𝗯𝗮𝗶.

𝗢𝗿𝗴𝗮𝗻𝗶𝘇𝘇𝗮 𝗰𝗼𝗻 𝗻𝗼𝗶 𝗹𝗮 𝘁𝘂𝗮 𝘃𝗶𝘀𝗶𝘁𝗮 𝗮 𝗗𝘂𝗯𝗮𝗶!

Dubai – affitti in aumento del +20%

Le nuove riforme della politica in materia di residenza e visti sono tra le ragioni principali dell’aumento della domanda.

Il mercato immobiliare Property Finder ha affermato che
i prezzi medi degli affitti per i contratti di appartamenti hanno registrano un aumento di circa il 21% rispetto il 2022, mentre quelli per le ville sono aumentati del 37%.

I dati recenti di Property Finder suggeriscono che il prezzo medio di affitto degli appartamenti a Dubai Marina è aumentato del 31%, mentre le unità di Jumeirah Lake Towers hanno registrato un aumento del 16%.

Perchè sono aumentati gli affitti?

Le nuove politiche di residenza e visti sono tra le ragioni principali dell’aumento della domanda. Un programma Golden Visa notevolmente ampliato e una nuova residenza verde di cinque anni sono tra le numerose riforme di residenza entrate in vigore lo scorso anno.

Property Finder ha elencato altri motivi per l’aumento record: una crescente domanda di proprietà di lusso, maggiori investimenti esteri, diversificazione economica ed eventi prestigiosi.

Le donne che investono nel settore immobiliare

le donne che investono in Dubai aumentano di oltre il 50%. Il settore immobiliare di Dubai ha visto un netto aumento della partecipazione delle donne nel 2022, con un totale di 26.698 investitori donne che hanno registrato 33.419 investimenti immobiliari per un valore di oltre 58,8 miliardi di AED nell’ultimo anno nell’emirato, con una crescita del 50,7% in volume e del 53% in valore dal 2021 secondo i dati del Dubai Land Department (DLD) .

I crescenti investimenti delle donne nel mercato immobiliare di Dubai riflettono la visione della leadership degli Emirati Arabi Uniti di consentire alle donne di partecipare a vari ambiti della vita e settori economici. 

Le donne sono destinate a svolgere un ruolo fondamentale nel raggiungimento dell’obiettivo dell’Agenda economica di Dubai D33 annunciato di recente da Sua Altezza lo sceicco, per raddoppiare le dimensioni dell’economia dell’emirato entro il 2033.

Il ruolo delle donne nel settore immobiliare non si limita agli investimenti. Hanno anche contribuito al settore come sviluppatori, agenti immobiliari e membri della forza lavoro del settore. 

I dati di DLD hanno anche mostrato che le donne rappresentavano il 34,8% degli agenti immobiliari registrati, un totale di 4.519 broker donne ha contribuito a 8.606 transazioni per un valore di 696 milioni di AED. 

Le donne, che costituiscono il 42% del totale dei dipendenti del Dubai Land Department, svolgono un ruolo fondamentale in tutti i settori e livelli nell’adempimento del mandato dell’organizzazione.

le donne che investono nel settore immobiliare sono in aumento, e tu cosa ne pensi.

Fonte di notizie: Agenzia di stampa degli Emirati

Payment plan

7 DOMANDE SUI PIANI DI PAGAMENTO A DUBAI

➊ Qual è la differenza tra un piano di pagamento e un mutuo?

Un piano di pagamento è un accordo che distribuisce i pagamenti nel tempo. A differenza di un prestito, è senza interessi. Un mutuo può essere ottenuto solo da una banca e il piano di pagamento rateale può essere fornito dal venditore.

➋ Esistono piani di pagamento nel mercato secondario di Dubai?

No. Puoi ottenere un piano di pagamento solo dallo sviluppatore, che si trova nel mercato primario. Spesso sono previste rate per immobili in costruzione (fuori progetto).

➌ Esistono piani di pagamento per le case finite?

Sì, a volte le unità pronte per essere trasferite dallo sviluppatore vengono vendute con un piano di pagamento.

➍ Qual è la durata di un piano di pagamento?

In media, da 2 a 6 anni, a seconda del tipo.

➎ Quali sono i principali tipi di piani di pagamento a Dubai?

✓ L’ultima rata sarà al completamento o alla consegna

✓ L’ultima rata sarà post-completamento o post-consegna

➏ Cosa significano 80/20, 50/50 e 40/60?

Questo spesso designa il tipo di piano di pagamento. 

80% ➤ dovuto da pagare durante la costruzione

Il 20% ➤ viene pagato al completamento

Il piano di pagamento è legato alle fasi della costruzione e determinate date. È indicato nel contratto di compravendita.

➐ Quali progetti sul mercato hanno attualmente i piani di rateizzazione più interessanti?

MAMA Residences

📍Business Bay

Prezzi a partire da €257.000

20% – acconto

10% – durante la costruzione

10% – alla consegna

60% – entro 3 anni dalla consegna

Samanà Santorini

📍Dubai Studio City

Prezzi a partire da €138.000

15% – acconto

25% – durante la costruzione

1% – entro 60 mesi dalla consegna

Contatta i nostri specialisti e ti aiuteremo a selezionare un’unità con un piano rateale favorevole.

UAE e le iniziative benefiche

Che gli Emirati Arabi siano tra le potenze economiche più forti al mondo è, ormai, risaputo.

Il governo centrale ha sempre supportato l’economia interna al fine di creare un territorio assai florido per gli investimenti esteri diretti.

Proprio così, infatti, è riuscito a raggiungere l’obiettivo più ambito dello scorso anno, ovvero, far diventare Dubai il Paese che ha registrato il maggior numero di progetti di investimento al mondo! 

Tuttavia, gli UAE si preoccupano anche di sostenere i Paesi stranieri in difficoltà, inviando aiuti e finanziamenti per iniziative benefiche di spessore.

Così, Sua Altezza lo Sceicco Hamdan bin Zayed Al Nahyan, Presidente della Mezzaluna Rossa degli Emirati (ERC) ha affermato che gli Emirati Arabi sono oggi uno dei principali donatori del globo e sostenitori del Movimento Internazionale di Croce Rossa e Mezzaluna Rossa.

Gli UAE, infatti, sono diventati “un centro regionale di supporto, approvvigionamento e logistica nel campo degli aiuti umanitari di emergenza e un quartier generale permanente per molte organizzazioni umanitarie internazionali”, afferma Al Nahyan, riuscendo a gestire importanti operazioni di soccorso per le regioni vicine e finanziando iniziative benefiche per i Paesi sottosviluppati più lontani.

“Gli Emirati Arabi Uniti hanno una buona infrastruttura che li ha qualificati per svolgere questo ruolo vitale e dai suoi convogli di soccorso terrestre partono via terra, mare e aria verso vari paesi e regioni che stanno vivendo crisi e disastri naturali, fino a diventare uno degli attori più importanti e donatori di aiuti umanitari nel mondo. 

Riconosciuto, dunque, il ruolo degli Emirati quali headquarter per le maggiori organizzazioni umanitarie del mondo, Al Nahyan ha sottolineato come la celebrazione della giornata internazionale del Movimento della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa è un’occasione unica per promuovere il dialogo e il dibattito sulle principali questioni che incidono sul buon andamento dei Paesi più in difficoltà ed, eventualmente, come dare un supporto per affrontarle.

Così, l’8 maggio, giornata a ciò dedicata, si sono voluti ricordare tutti gli impegni in campo umanitario già attivati dal governo centrale e preparare i prossimi passi per rafforzare la leadership con tutte le forze della comunità al fine di promuovere i valori e i principi del supporto internazionale a livello globale.

Ancora una volta, gli Emirati si sono aggiudicati un posto tra le prime fila dei Paesi più performanti del pianeta: non solo da un punto di vista economico e finanziario, ma anche da quello umanitario, gli UAE si assestano sempre più tra i maggiori Big del globo.

L’AIRE

Vuoi completare tutte le procedure nel migliore dei modi per essere definito al 100% cittadino di Dubai e vivere sul posto?

Se vuoi cambiare completamente il tuo stile di vita, trasferirti all’estero e tagliare tutti i ponti con l’Italia, sicuramente l’iscrizione all’AIRE è un passo che prima o poi dovrai affrontare. In questo articolo vedremo nei dettagli cos’è l’AIRE, perché conviene iscriverti e in che modo puoi farlo a Dubai.

L’AIRE non è altro che l’anagrafe degli italiani residenti all’estero, un registro che è stato istituito dallo Stato Italiano per tenere traccia di tutte le persone che sono nate in Italia ma che vivono all’estero da lungo tempo.

L’iscrizione all’AIRE comporta la cancellazione del tuo nominativo dal registro del tuo comune di residenza e, quindi, il passaggio ufficiale del tuo profilo ad un altra nazione.

Significa che potrai usufruire di tutti i servizi consolari direttamente all’estero, ciò riguarda anche l’emissione dei tuoi documenti personali, ma anche le procedure elettorali. Non dovrai più fare richiesta se desideri votare dal tuo nuovo Paese e verrai considerato automaticamente un italiano residente all’estero.

Una procedura che sancisce a tutto tondo il distacco dal tuo Paese di origine e l’insediamento nello stato di Dubai.

COME E QUANDO ISCRIVERSI ALL’AIRE

L’anagrafe degli italiani residenti all’estero è stato pensato per tutti quei cittadini nati in Italia ma che vivono in un altro stato da oltre 12 mesi. Questo periodo di tempo viene giudicato come consono per definire la tua nuova residenza e la tua nuova vita all’interno di uno stato straniero.

Anche per lo stato di Dubai vale la stessa legge, essendo l’AIRE un organismo controllato dallo stato italiano.

Dopo 12 mesi, potrai fare richiesta di iscrizione ed essere considerato a tutti gli effetti un italiano residente all’estero.

Ciò non ha nulla a che vedere con la tua residenza fiscale, che potrai spostare in meno tempo se lavorerai sul posto e vuoi avviare un’attività sul posto. L’organismo competente per fare il passaggio di residenza fiscale è senz’altro l’Agenzia delle Entrate, oltre a dover ottemperare a tutte le norme dello stato di Dubai.

Dubai, che lingua si parla?

In questo nuovo articolo vedremo i dettagli della comunicazione a Dubai e come è possibile orientarsi sul posto.

Dubai, che lingua si parla?
La lingua ufficiale degli Emirati Arabi è (deducibilmente) l’arabo, ma la lingua più parlata a Dubai è l’inglese.
Tuttavia, potrebbe capitarvi di trovare molti immigrati che parlano indi, urdu, bengali, tagalog, persiano, cinese, malese insieme a molte altre lingue. L’arabo rimane la lingua ufficiale sia della comunicazione scritta che orale a Dubai. Nel governo si parla arabo e le leggi stesse sono scritte in arabo.
L’ inglese risulta la lingua più utilizzata nei settori del business, del commercio e del turismo.

Gli altri lemmi
A Dubai, circa il 75% della popolazione è costituito da espatriati, molti dei quali parla inglese e/o altre lingue native. Comunque, ci sono persone di molte nazionalità diverse a Dubai, per cui sarà molto probabile incontrare qualcuno che parli la vostra lingua.
Il caso del crescente numero di parlanti inglese a Dubai ha portato a frequenti dibattiti per il piano strategico di Dubai negli anni.


Dubai: la città cosmopolita
Dubai dunque è realmente una città cosmopolita che raccoglie e racchiude diverse culture. Essendo una città che attrae ogni anno sempre più turisti, sta diventando sempre più importante, per gli abitanti del posto, saper parlare più lingue. Molti dei segnali stradali sono indicati sia in arabo che in inglese. Tuttavia, se state pensando di lasciare Dubai per andare a visitare altre città degli Emirati Arabi, ricordate che in altre città la lingua inglese non è poi così conosciuta. In molti paesini (soprattutto nelle zone rurali) non si parla affatto inglese.


Studiare a Dubai: quale lingua?
Anche la scuola si sta adattando al cambiamento, quindi presenta insegnamenti sia in arabo che in inglese. Nella maggior parte delle scuole private molte conferenze sono tenute in inglese o in un’altra lingua straniera.

Perciò, se siete pronti a studiare un po’ di arabo cominciate pure e fate sfoggio del vostro impegno, altrimenti un buon livello di inglese salverà la vostra permanenza a Dubai!

EMISSIONI ZERO

I trasporti pubblici a Dubai saranno a zero emissioni entro il 2050

Dubai ha approvato una tabella di marcia per rendere il trasporto pubblico a zero emissioni entro il 2050. Nell’ambito dell’iniziativa, l’Autorità per le strade e i trasporti dell’emirato (RTA) accelererà l’adozione di veicoli elettrici e alimentati a idrogeno nella sua flotta di autobus, trasporto scolastico, taxi e limousine.

Fa parte di una strategia integrata per contribuire all’adattamento ai cambiamenti climatici e alla riduzione delle emissioni di gas serra. L’RTA riabiliterà anche l’infrastruttura e amplierà l’uso di energia pulita per comprendere edifici e strutture, oltre a riciclare i rifiuti.

Un sistema di trasporto pubblico a emissioni zero eviterà quasi 8 milioni di tonnellate di emissioni di anidride carbonica, l’equivalente di piantare 132 milioni di alberi. Ciò equivale anche a un risparmio finanziario di 3 miliardi di Dirham entro il 2050.

Ciò è avvenuto mentre lo sceicco Hamdan bin Mohammed bin Rashid Al Maktoum, principe ereditario di Dubai, ha presieduto mercoledì una riunione del Consiglio esecutivo.

La tabella di marcia è in linea con la visione degli Emirati Arabi Uniti di trasformare le sfide del cambiamento climatico in opportunità per promuovere la diversificazione economica e raggiungere uno sviluppo economico sostenibile. Ciò avverrà sviluppando nuove industrie, tecnologie, competenze e posti di lavoro che supportano la protezione e la conservazione dell’ambiente.

La mossa di Dubai consolida l’emergere della nazione come leader nell’uso di energia rinnovabile e pioniera nella transizione verso un’economia verde.

Lo sceicco Hamdan ha dichiarato: “L’umanità si aspetta che ciascuno di noi contribuisca a salvare il futuro. Gli Emirati Arabi Uniti non risparmiano sforzi per essere in prima linea nel preservare la sostenibilità delle risorse del nostro pianeta. Una serie di iniziative di green economy hanno portato Dubai a diventare un modello per la sostenibilità. Le nostre iniziative per il futuro contribuiranno a garantire che gli Emirati Arabi Uniti continuino a costituire un esempio per il mondo nella promozione dell’innovazione e della creatività.

“Non vediamo l’ora di dare il benvenuto al mondo alla COP28 che si terrà a Expo City Dubai”.

My Agile Privacy
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy